NUOVO GIARDINO PENSILE: IL ROSETO DI MADRE CLAUDIA

NUOVO GIARDINO PENSILE: IL ROSETO DI MADRE CLAUDIA

Lunedì, 10 Giugno 2024 16:24
Vota questo articolo
(0 Voti)

Con l’inaugurazione del Roseto di Madre Claudia per me si realizza un sogno. Reso possibile dal lavoro congiunto con le mie consorelle, ma anche dal contributo lavorativo e materiale di tante persone di buona volontà.

Ognuno mosso da diversi “amori”: l’arte, la cultura, la città di Anagni, il valore di spazi verdi, e in modo particolare e speciale per l’amore per la figura di una donna anagnina Claudia De Angelis della Croce, madre e fondatrice della Congregazione Suore Cistercensi della Carità.

Esso restaura un orto pensile antico e da lustro al Palazzo Bonifacio VIII. È incastonato nella nostra Casa Madre di Anagni, come luogo di spiritualità e di ricarica dell’anima, dove sperimentare la spiritualità del giardino, che ci rimanda ai giardini biblici dell’Antico e del Nuovo Testamento.

Entrare nel roseto di Madre Claudia è entrare nella bellezza, è entrare in un luogo prezioso e fragile nello stesso tempo, dove tutto fiorisce, sfiorisce, si secca e rinasce, seguendo il corso naturale della vita, il ritmo del tempo e delle stagioni. Il giardino è un luogo in cui veniamo educati all’amore per la natura, ci rende responsabili nella cura del creato, ci fa essere attenti all’ecologia e a tutto ciò che ad essa è connesso.

La bellezza in fondo è qualcosa di fugace e di passeggero, ma che ci attrae e ci affascina, colpisce il cuore e riempie la vita, crea un habitat di pace, di fratellanza, ci fa pensare che tutto il bello e il buono che c’è nell’umanità ha avuto inizio nel giardino della creazione.

Giardino e fiori biblicamente parlando, ci gettano, ci immergono nella forza trasformante del bene, in ciò che è buono, giusto, in ciò che è santo, che è virtù e merita lode, in atteggiamenti di semplicità d’animo, di purezza del cuore e di limpidezza degli occhi, nel mondo delle beatitudine evangeliche, di una felicità e di una pace possibile.

La metafora del giardino e dei fiori, che richiama diversi luoghi biblici come: l’Eden, il giardino del Cantico dei Cantici, del Getsemani, della Risurrezione. Tutti questi luoghi richiamano alla nostra mente e al nostro cuore l’atteggiamento e l’attitudine concreta alla custodia e alla cura, ci formano e ci strutturano, arricchendo la nostra umanità.

Per Madre Claudia anche la Scuola e l’educazione sono visti come una giardino, in cui coltivare gli uomini e le donne di domani, da vivere non come un mestiere da compiere, ma come una vocazione e un carisma da esprimere. Dove le competenze e la professionalità vanno portate a compimento con l’amore per la persona e la relazione, che si fa dedizione, fedeltà, docilità allo Spirito, costanza, abnegazione, dono di sé.

Nel giardino dello Sposo, Claudia vi entra per incontrare Cristo Gesù, per lasciarsi istruire e attrarre da Lui, la nota dominante di questo giardino, sono le rose.

Il giardino è allora un luogo esteriore (il monastero, la casa religiosa), ma anche un luogo interiore (la nostra persona) capace di accogliere, coltivare e far crescere fiori diversi.

 

Madre Maria Patrizia Piva

Letto 69 volte

DONAZIONI

La conoscenza diretta delle persone, dei luoghi e delle effettive necessità locali permette alle nostre suore di usare al meglio le offerte ricevute senza sprechi, realizzando progetti importanti di cui è possibile seguire lo sviluppo in piena trasparenza.

Contatti

Congregazione Suore Cistercensi della Carità
Via Vittorio Emanuele, 240
03012- Anagni (FR)
E-mail: suorecistercensi@libero.it 
Tel.: +39 0775 727053
Fax: +39 0775 726133